CABIRIA 190 – 191<br/> Studi di cinema

CABIRIA 190 – 191
Studi di cinema

16,00

CABIRIA 190 - 191

il Geko edizioni

Formato 16,5x24
Pagine 216 (inserto a colori)
ISBN 978-88-3124-408-4

Era intorno al ferragosto dello scorso anno quando ricevetti una telefonata dall’amico Adriano che, con la sua voce dal tono tra il cavernoso e lo stentoreo, mi diceva che sarebbe andato qualche giorno in Danimarca con la famiglia per un «pellegrinaggio dreyeriano». Io ero appena tornato dalla georgia, terra di Iosseliani, Paradzanov e Abuladze, ma di fronte all’importanza di Dreyer non potevo che inchi- narmi. «Vorrei scrivere qualche impressione sul grande maestro, ho un po’ di cose che mi ronzano in testa. Se vuoi poi ti mando il testo per pubblicarlo». «Ottimo, tanto più che su Dreyer non abbiamo mai scritto nulla su “Cabiria”: su “Ciemme”  sì…». «Si pronuncia drayer», mi inter- rompe un po’ brusco, il che mi fa capire che il suo livello di immersio- ne nell’universo dell’autore di Ordet è piuttosto avanzato. Il 26 agosto mi arriva il pezzo, intitolato Piccolo viaggio sentimentale in compagnia di Dreyer. È davvero piccolo (meno di 6000 battute, due paginette – tre se ci mettiamo delle immagini): speravo di più, ma comunque è un testo che si presta per un omaggio a cinquant’anni dalla morte del regista. Subito dopo un’altra mail mi avverte di lascia- re perdere il file «perché voglio aggiungere qualche cosa. Intanto per- ché non provi a fare ricerche sul coinvolgimento di Dreyer in un film ita- liano degli anni Trenta, girato in Somalia, sponsorizzato dalla “Stampa” di Torino? Non se ne è occupato nessuno». Da quel momento è comin- ciato il viaggio in un pozzo senza fondo. Io, costretto in casa per una convalescenza, ho cominciato col rintrac- ciare on line articoli, foto, spartiti, notizie varie su un fantomatico film intitolato Mudundu; lui – da ciò che mi raccontava sua moglie – chiu- so nel suo studio e immerso in fotocopie, libri, riviste, DVD e qualunque altro documento utile a esplorare zone dimenticate o totalmente vergini dell’attività di Dreyer: lo stato delle copie, gli scritti editi e inediti, la cronologia, la filologia, l’avventura africana… Poi la scoperta del rappor- to con l’Universalia, la sceneggiatura integrale per il film su gesù, i testi mai tradotti di/su Dreyer, il suo rapporto con Kierkegaard Il nostro scambio di mail da allora è diventato quotidiano, forsennato, a tutte le ore del giorno (e della notte). Un primo frutto di tutti questi mesi di ricerca e studio lo vedete nelle pagine che seguono, ma è solo una piccola parte di ciò che verrà in futuro pubblicato su un e-book dal titolo Variazioni su Dreyer. Lì troverete di tutto (e anche di più) Per ora godetevi pure Disney, Marchesi, Zavattini, di nuovo Antonioni, Bazin, Mieli.

Hai bisogno di aiuto? Contattaci Lascia feedback

Condividi